Area riservata
Papa Sisto V
Presidato Sistino
Cartina di Montalto
Geometrie Agricole
Biografie illustri
Montaltesi lontani
Araldica
Mercato Piceno
Tradizioni musicali
Enogastronomia
Gemellaggi
Museo archeologico
Bibliografia

 
 15500 al 29.12.04

  STORIE E NOTIZIE DALLE CITTÀ E TERRE DEL PRESIDATO SISTINO


Info:
- a 626 m slm
- ab. 1.719
- cap. 63028
- prefisso:0734



Ci stiamo lavorando.....ma se ci dai una mano, facciamo prima e meglio!!!

CADUTI IN GUERRA DI S. VITTORIA IN M.
Monumento ai Caduti di S. Vittoria in M.

Monumento ai Caduti di S. Vittoria in M.


Lettera al Sindaco di S. Vittoria in M >>


"Progetto Memoria" per non dimenticare coloro che per un ideale o per dovere hanno perduto la vita in guerra o a causa di essa. Il progetto riguarderà i Caduti di Santa Vittoria, ma anche delle Città e Terre dell'Ex Presidato sistino. Se hai piacere che i tuoi cari defunti continuino a vivere nella memoria di chi li ha conosciuti attraverso il sito di montaltomarche.it e hai documenti, foto, aneddoti, ecc. che li riguardino aiutaci ad arricchire queste pagine e contattaci all'indirizzo redazione@montaltomarche.it te ne saremo particolarmente grati! [Entra]


Informazioni Generali

Stato: Italia
Regione: Marche
Provincia: Ascoli Piceno
Coordinate: Latitudine: 43° 1' 15'' N
Longitudine: 13° 29' 50'' E

Altitudine: 626 m s.l.m.
Superficie: 25,96 km²
Abitanti: 1.491 2005

Densità: 57,43 ab./km²
Frazioni:
Comuni contigui: Force, Monte San Martino (MC), Montefalcone Appennino, Monteleone di Fermo, Montelparo, Servigliano
CAP: 63028
Prefisso tel: 0734
Codice ISTAT: 044067
Codice catasto: I315
Nome abitanti: santavittoriesi
Santo patrono: Santa Vittoria
Giorno festivo: 20 giugno

A poca distanza da Monteleone Sabina esiste la bella chiesa che la tradizione dice sorta su le rovine della villa dove visse prigioniera S. Vittoria. Intorno alla chiesa abbondano pietre lavorate che facevano parte della villa. Su quelle, un pellegrino poeta così cantò un giorno di febbraio 1968:

Monte Leone Sabino - Chiesa di Santa Vittoria Sullo scosceso colle ove spandeasi
Trebula al sole, qualche derelitto
Rudere resta tra gli ulivi, asilo
Al rettile e coltivatore inciampo.
La villa ove inumano amor ti tenne
Prigioniera, Vittoria, non c'è più:
Tutto travolse il tempo, ma il ricordo
Della Fanciulla che sfidò il dragone
E' vivo sempre e ispira eterno amore.
Tra queste pietre io vado meditando,
E le abbraccio e le bacio. E' forse questa
La pietra ove sedevi a ricamare,
Anelando al tuo Dio? Su quella forse
Il tuo piede leggero s'è posato?
lo ricerco una pietra carezzata
Dalla tua mano angelica. Qualcuno
Di queste pietre rotte, abbandonate
Ha udito la tua voce e la preghiera:
La tua angosciosa ha sentito e ha raccolto
Le lacrime segrete. O care pietre
Qui da tutti obliate, voi non siete
Freddi sassi per me; Io da lontano
Son venuto a sentir la vostra voce;
lo son venuto qua dal Matenano
Che in urna accoglie le Beate Spoglie
Della vostra Vittoria. A me parlate
Di Lei, ché son venuto per sentire
Piùi vivo in me il suo spirito aleggiare
sul matenano anch'io, come ogni bimbo
Primieramente con quello di Mamma,
Appresi pure il nome di Vittoria
Lassù, nel nome di Vittoria Santa,
Si consacrano i talami e le culle;
E sempre a Lei della fuggente vita
e dedicato l'ultimo sospiro.


In: Don Giuseppe Michetti, Santa Vittoria in Matenano, Editrice "La Rapida", II Ed., 1984, p. 18

Copertina del libro di Don Giuseppe Michetti, Santa Vittoria in Matenano Edificata nell' 890 dall'abate di Farfa Pietro I, costituì il centro di tutto il presidiato farfense nella Marche.
L'abate Ratfredo vi fece trasportare verso il 930, all'epoca delle scorribande dei Saraceni, il corpo della S.Vergine e Martire Vittoria, di nobile famiglia romana, che ancora si conserva, in una urna di marmo, nel santuario della Collegiata.
Divenne comune nel sec. XIII ed ebbe poi, nel 1406, uno statuto proprio, il cui originale è custodito nell'archivio comunale insieme a numerose ed interessanti pergamene del sec. XIII ed altri antichi atti consiliari che vanno dal 1481 al 1791.
Fu anche centro letterario ed artistico, come provano libri e codici della sua abbazia, in uno dei quali, conservato nella biblioteca di Ascoli Piceno, si legge il più antico documento volgare delle Marche (codice monastico-miscellaneo, I parte "regola benedettina del X sec.").
Il comune ha sempre mantenuto, nel suo centro storico, l'antico tracciato medioevale, con numerose case del Risorgimanto e altri interessanti monumenti.

Santa Vittoria in M. è gemellata con:

Zwenigorod, Russia
Mqabba, Malta
Provincia di Rieti, Italia
Monteleone Sabino, Italia
Fara in Sabina, Italia
La Ferté-Saint-Aubin, Francia


CARTINA INTERATTIVA

Cartina interattiva del Ccentro storico di S. Vittoria in Matenano (AP)

CENTRO STORICO DI SANTA VITTORIA IN MATENANO >>

Andamento demografico
Andamento dempografico del Comune di Santa Vittoria in Matenano

ZOOM

 
SANTA VITTORIA,
COL CUORE E ... CON L'OBIETTIVO

S. Vittoria in Matenano Album fotografico di S. Vittoria in Matenano [ a breve ]
Foto aeree di Santa Vittoria in Matenano (AP) IMMAGINI AEREE DI S. VITTORIA IN M.
Foto aeree delle Città e Terre del Presidato Sistino e del Piceno sfogliale nell' Album del sito
 
RASSEGNA STAMPA

09.11.2006 - Scambio di esperienze tra la Moldavia e la Provincia di Ascoli
23.10.2006 - Interpellanza di Raffaele Tassotti capogruppo in Consiglio provinciale della Democrazia Cristiana per le Autonomie: Quanto ancora si dovrà attendere per mettere in sicurezza la frana sulla Montottonese?"
 

Se hai documenti o altre foto per arricchire queste pagine o hai piacere di collaborare con noi per realizzarle, contattaci all'indirizzo sottostante.

Acquista questo spazio pubblicitario
(Vedi come)

montaltomarche.it

Home
- Links - Archivio - Album - Chi sono? - Download - Registrati
Sisto V - Presidato - Cartina - Geometrie Agricole - Biografie - Amici di Montalto lontani un clic! - Araldica - Tradizioni musicali - Enogastronomia - Gemellaggi - Museo - Bibliografia

© montaltomarche.it - montaltomarche.eu Home info@montaltomarche.it

Per una corretta visualizzazione delle pagine utilizzare Internet Explorer ad una risoluzione di 1024x768