Area riservata
Papa Sisto V
Presidato Sistino
Cartina di Montalto
Geometrie Agricole
Biografie illustri
Montaltesi lontani
Araldica
Mercato Piceno
Tradizioni musicali
Enogastronomia
Gemellaggi
Museo archeologico
Bibliografia

 
 15500 al 29.12.04


Punti dello scudo

Lo scudo araldico è diviso in modo immaginario in vari Punti.
Questa suddivisione serve per descrivere l’esatta posizione delle Figure allorquando si fa una blasonatura.


Ecco lo schema:

A - Cuore ( o Abisso )
B - Punto del Capo
C - Punta
D - Fianco Destro
E - Fianco Sinistro
F - Angolo Destro del Capo
G - Angolo Sinistro del Capo
H - Angolo Destro della Punta
I - Angolo Sinistro della Punta
L - Punto d’Onore
M - Ombelico
PARTIZIONI e RIPARTIZIONI

La parte interna dello Scudo viene definita dagli Araldisti col nome di “Campo”.
Se il Campo è di un unico smalto (tutto rosso, o tutto d’oro, ecc.), senza nessuna linea né figura, allora lo scudo viene detto “Pieno”.
Se lo scudo, invece, è suddiviso in due parti da una linea (verticale, orizzontale o diagonale) i Campi diventano due. Queste suddivisioni in due Campi, formate da una sola linea, vengono dette “Partizioni”.
Quando lo scudo è suddiviso da due o più linee, allora si formeranno tre o più Campi. In tal caso, si parla, invece, di “Ripartizioni”.

Scudo Pieno




Partizioni Le lettere poste all’interno degli esempi indicano l’ordine col quale i vari Campi devono essere descritti durante la blasonatura. Ordine che privilegia l’andamento dalla Destra Araldica verso la Sinistra Araldica, e dall’alto in basso.

1 - Scudo Partito
diviso verticalmente
a metà in 2 parti uguali
2 - Scudo Troncato
diviso orizzontalmente
a metà in 2 parti uguali






3 – Scudo Trinciato
diviso in diagonale dall’angolo in alto della destra araldica verso l’angolo in basso della sinistra araldica in 2 parti uguali
4 – Scudo Tagliato
diviso in diagonale dall’angolo in alto della sinistra araldica verso l’angolo in basso della destra araldica in 2 parti uguali






5 - Scudo Addestrato
diviso in verticale da una linea spostata verso la destra araldica, a non più di un terzo della larghezza, in 2 parti NON uguali
6 - Scudo Sinistrato
diviso in verticale da una linea spostata
verso la sinistra araldica, a non più di un terzo della larghezza, in 2 parti NON uguali






Ripartizioni
Le lettere poste all’interno degli esempi indicano l’ordine col quale i vari Campi devono essere descritti durante la blasonatura. Ordine che privilegia l’andamento dalla Destra Araldica verso la Sinistra Araldica, e dall’alto in basso.

1 – Scudo Interzato in Palo
diviso verticalmente
da 2 linee in 3 parti uguali
2 - Scudo Interzato in Fascia
diviso orizzontalmente
da 2 linee in 3 parti uguali






3 - Scudo Interzato in Banda
diviso in diagonale da 2 linee
in 3 parti uguali,dall’alto della destra
araldica verso il basso della sinistra
4 - Scudo Interzato in Sbarra
diviso in diagonale da 2 linee
in 3 parti uguali,dall’alto della sinistra
araldica verso il basso della destra






5 – Scudo Partito Semitroncato
diviso verticalmente a metà,
con il Campo alla sinistra araldica diviso
a metà da una linea orizzontale
6 - Scudo Semitroncato Partito
diviso verticalmente a metà,
con il Campo alla destra araldica diviso
a metà da una linea orizzontale






7 – Scudo Troncato Semipartito
diviso orizzontalmente a metà,
con il Campo inferiore diviso a metà
da una linea verticale
8 - Scudo Semipartito Troncato
diviso orizzontalmente a metà,
con il Campo superiore diviso a metà
da una linea verticale






9 - Scudo Inquartato
diviso in 4 parti uguali
da una linea verticale ed una orizzontale
che si incrociano al centro
10 - Scudo Inquartato in Decusse
diviso in 4 parti uguali
da 2 linee diagonali opposte
che si incrociano al centro






11 - Scudo Controinquartato
diviso in 4 parti uguali
da una linea verticale ed una orizzontale
che si incrociano al centro,
con uno o più dei 4 Campi diviso
in 4 parti uguali da una linea verticale
e una orizzontale incrociate al centro
12 - Scudo Interzato in Pergola
diviso in 3 parti da 2 linee
che dagli angoli in alto si uniscono a 2/3 d’altezza con la verticale mediana






13 - Scudo Interzato in Pergola Rovesciata
diviso in 3 parti da 2 linee
che dagli angoli in basso
si uniscono a 1/3 d’altezza
con la verticale mediana
14 - Scudo Interzato in Calza
diviso in 3 parti da 2 linee
che dagli angoli in alto
scendono ad unirsi in punta






15 - Scudo Interzato in Mantello
diviso in 3 parti da 2 linee
che dagli angoli in basso salgono ad unirsi
nella metà del bordo superiore
16–Scudo Cappato (o Incappato)
diviso in 3 parti da 2 curve
che dalla metà dei fianchi salgono ad unirsi
nella metà del bordo superiore







 
 
 
 
 












principale

principale

principale



Lambrecchini

Stemmi araldici del Presidato Sistino

Stemmi araldici dei Vescovi della Diocesi di Montalto e Ripatransone




Stemma araldico di area germanica del XV sec.
(Armoriale di Miltenberg)















Cavaliere Normanno
(Anno 1066)













Cavaliere Italiano
(Anno 1255)











Cavaliere Germanico
(Anno 1270)













Cavaliere Inglese (Anno 1306)

| Introduzione | Lo Scudo | Gli smalti | I Punti dello Scudo | Partizioni e Ripartizioni | Pezze Araldiche

Convenevoli Partizioni | Linee di Partizione | Le Corone | Gli Elmi | Lambrecchini | Stemmi del Presidato Sistino

montaltomarche.it

Home
- Links - Archivio - Album - Chi sono? - Download - Registrati
Sisto V - Presidato - Cartina - Geometrie Agricole - Biografie - Amici di Montalto lontani un clic! - Araldica - Tradizioni musicali - Enogastronomia - Gemellaggi - Museo - Bibliografia

© montaltomarche.it - montaltomarche.eu Home info@montaltomarche.it

Per una corretta visualizzazione delle pagine utilizzare Internet Explorer ad una risoluzione di 1024x768